Tag Archives: Varie

la matematica della felicità

29 Ott

Alcune persone mi hanno definito come un azzeccagarbugli, un che con le parole “rincretinisce la gente” fino a che, per sfinimento, non tendono a darmi ragione o quanto meno a non darmi torto. Altri, con tenerezza, mi hanno definito un “affabile abbindolatore”, sempre con lo stesso concetto di fondo, solo che ci mettono un sorriso o una pacca alla fine della frase. Pura semantica.
Fatto sta che il saper parlare, ancor meglio, il saper argomentare è sempre stata una cosa che mi ha affascinato, specie se poi porta a qualcosa di positivo come l’aiutare un amico, rincuorare un conoscente, o provarci con una donna. Sempre e solo semantica. Continua a leggere

Annunci

Una favola

30 Set

Ho ritrovato una vecchia favola scritta un po’ di tempo fa, dettata da momenti diversi da ora:
C’era una volta in un tempo lontano, una giovane principessa che viveva nel suo regno incantato, tranquilla e beata. Durante la stagione delle nevi, in uno dei balli di corte, conobbe un giullare, un buffone della corte vicina, che la fece innamorare di lui. Il tempo tra i due scorse pacificamente, finché per un brutto maleficio, il giullare fu colpito da un incantesimo che lo trasformò in un mostro al calare delle tenebre. Non appena giungeva il crepuscolo, il buffone si trasformava in un mostro e faceva cose inenarrabili, lontane dalla sua vera indole. La presa di coscienza delle sue nefandezze, da parte del giullare, era presente, ma spaventato dall’ipotesi di non essere in grado di poter sposare la principessa, fu costretto a continuare la sua vita notturna. Continua a leggere

Beata inettitudine in 4/4

14 Set

Questo è semplicemente uno sfogo, con delle date, dei nomi e dei cognomi, ma resta un semplice sfogo.
È un sabato qualsiasi, senza particolari pretese.
Dalle mie parti ci si lamenta molto per la mancanza di stimoli dall’esterno che ti smuovano per far qualcosa di “alternativo”; per la serie: tutto il mondo è paese.
È una delle ultime notti d’estate, infatti si sente già il primo venticello che fa rizzare leggermente la pelle; quel tipo di pelle d’oca che ogni uomo attende per cingere meglio le donne senza che si venga rimbalzati per la troppa afa dei mesi precedenti.
Quasi tutti i posti sono in subbuglio con feste, festini sagre e quant’altro. Per noi le scelte sono ufficialmente 2 stasera: musica dal vivo o discoteca. No more. No less. Continua a leggere